Se correre è la tua passione, i tuoi piedi devono essere sempre al top! Scopri come

La corsa è l’attività più praticata in Italia e non solo, si comincia con il semplice jogging per rimettersi in forma ed ogni giorno la sfida di macinare chilometri diventa una “appassionata ossessione”. Per la corsa si cambia completamente, dall’abbigliamento alle scarpe, e si migliora la tecnica di corsa grazie ai professionisti dedicati all’insegnamento o a tutorial creati appositamente per fornire i migliori consigli nel ritrovare il “tuo modo migliore di stare bene correndo”.

Prima di iniziare a correre

Il riscaldamento è la fase più importante per preparare ogni segmento del tuo corpo al lavoro da affrontare, condizionare gli arti, gruppi muscolari, gli organi, in modo da ottenere da esso il rendimento migliore e predisporlo per evitare fastidi ed infortuni ma… questo ti basta?!

Nella mia esperienza di preparatore fisico ho notato come questa fase venga ridotta a pochi minuti di movimentazione articolare oltre a coinvolgere i gruppi muscolari che andranno ad essere coinvolti nel lavoro. Nonostante l’impegno iniziale i fastidi legati al poco condizionamento insorgono puntuali. Sapere come prevenirli o convivere con la loro insorgenza potendo però recuperare più velocemente è possibile, ma il tempo da dedicare alla fase di warm up è veramente prezioso.

I piedi non sono accessori

I piedi sono degli arti, potremmo chiamarli anche organi che ci permettono di essere più consapevoli e pronti ad affrontare qualsiasi attività in maniera decisa, reggendo il carico del nostro corpo, accettando posture e abitudini a volte estreme. Tuttavia, restano pur sempre i nostri piedi.

In poche parole il piede è composto da 26 – 28 ossa che interconnesse tra loro da un centinaio di legamenti, tendini e muscoli formano 33 articolazioni pronte per raggiungere delle performance incredibili a seconda dell’attività che si andrà a svolgere. Da qui potete immaginare come sia complessa la gestione di condizionamento dei piedi per evitare traumi che, se subiti in maniera strutturale, compromettono l’equilibrio funzionale dell’apparato muscolo – scheletrico e di conseguenza la nostra salute.

Yowalk, fatto appositamente per i piedi

La FeetBoard Yowalk è pensata in maniera accurata per conferire ai piedi un condizionamento naturale, una riattivazione plantare progressiva che va a lavorare su tutto la pianta.

Il suo principio di riattivazione “naturale” (come se venisse fatto in natura) propone un processo unico dando al piede e al corpo in generale consapevolezza e benessere fisico e mentale.

La prima board “Green” stimola la circolazione, aumenta la temperatura, risvegliando e connettendoci sensorialmente ad una riattivazione su un prato. Il tempo di utilizzo è di almeno 3 minuti, durante il quale è importante cercare di sollecitare ogni angolo del piede per portarlo poi allo step successivo. Il momento per capire quando il tuo corpo è pronto a passare alla fase successiva, è la sensazione di “frizzantezza” nei piedi.

Amo chiamare la Board “Blue” “Necessaria”, in quanto questa tavola ha la capacità di approfondire il lavoro iniziale mantenendo sempre il collegamento sensoriale (come fosse una riattivazione sulla spiaggia sollecitata da piccole conchiglie e sassolini appuntiti). In particolare, lo step “Blue” permette l’attivazione della pompa plantare, ovvero il meccanismo che invia nuovamente il sangue verso il cuore. Dopo qualche minuto d’utilizzo, i tuoi piedi avranno dimenticato le scarpe, ritrovando realmente il contatto con la natura. Anche in questo caso, il tempo di permanenza consigliato è sempre non meno di 3 minuti.

La terza Board, la “Grey”, ha tutto il senso della riattivazione su un letto di sassi. La nostra mente infatti associa la passeggiata sul terzo ed ultimo step della FeetBoard Yowalk ad una piacevole camminata su una spiaggia di sassi o sul letto di un fiume. Questa board è riattivazione articolare pura! Seguire la forma dei sassi riprodotti sullo step “Grey”, permette ai piedi una ginnastica fondamentale per le nostre articolazioni. Alcuni di questi sassi sono stati pensati per esercizi dedicati alle dita dei piedi, altri per la riattivazione energetica richiamata nella riflessologia plantare. Semplicemente, in questa tavola i tuoi piedi troveranno la libertà totale, proprio come quando eri bambino e correvi nella natura a piedi nudi.

FeetBoard Yowalk

L’importanza della riattivazione con la FeetBoard Yowalk prima dell’attività  

Grazie all’utilizzo della FeetBoard Yowalk nella fase di riscaldamento, potrai ottenere dei benifici unici:

  • Attiva la circolazione di tutto il piede
  • Attiva la temperatura migliorando l’elasticità vascolare
  • Attiva in maniera intensa i ricettori del piede
  • Attivazione dei canali sensoriali
  • Attiva la pompa plantare migliorando la circolazione di ritorno e periferica in generale
  • Attiva la mobilità articolare delle 33 articolazioni del piede
  • Riporta l’appoggio plantare all’origine
  • Previene e aiuta al recupero di fastidi della miofascia come la fascite plantare oltre a donare una posizione elastica a tutto il piede

L’importanza dell’utilizzo della FeetBoard Yowalk nel recupero post attività

Una volta terminata l’attività fisica, che sia un allenamento o una gara, la FeetBoard Yowalk viene in tuo soccorso permettendoti di:

  • Riportare l’attenzione ad ogni angolo del piede
  • Rilassare la miofascia plantare aiutando a sciogliere le micro – contratture subite durante l’attività
  • Riattivare la circolazione per il recupero donando leggerezza ed energia al corpo
  • Accorciare il periodo di recupero fisico dopo l’attività

Questi benefici possono essere ancor più evidenti se proverai ad utilizzare la FeetBoard anche sotto la doccia, alternando getti d’acqua calda e fredda su piedi e arti inferiori, per una riattivazione completa ed un’esperienza profondamente rilassante.

Onil Ruiz Ortega – Co-Founder Yowalk

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.