Iniziare a correre partendo dai piedi

Mi presento: mi chiamo Michela Pellanda e sono una running coach. Il mio passato da atleta (quasi vent’anni di carriera, specialista dei 400hs) e i miei 5 anni di studio nell’ambito delle scienze motorie presso l’UNICATT di Milano (LM67 conseguita con 110LODE/110) mi permettono di gestire l’allenamento della corsa a 360 gradi, indipendentemente da età e obiettivi. Il mio programma di allenamento si basa su conoscenze solide e la capacità di adattarle alla persona per raggiungere il traguardo.

La corsa negli ultimi anni è diventata una vera e propria moda. L’accessibilità a livello economico porta persone di qualsiasi età ad allacciarsi le scarpe e partire per un giretto di più o meno chilometri. Il primo approccio alla corsa spesso avviene su internet: si stampano tabelle di allenamento per 10km o addirittura la maratona, si fa un taglia e cuci a seconda delle proprie esigenze e si parte.

FeetBoard Yowalk

Dopo più di vent’anni da atleta sulle piste, sto sperimentando un approccio diverso sia per i ragazzi che si affacciano sull’ovale sia per gli adulti che si mettono in gioco.

Il punto di partenza, che al momento risulta vincente, non è il cronometro, bensì la persona e la sua educazione alla corsa, iniziando dal modello biomeccanico e adattandolo alle proprie caratteristiche. Un allenamento consapevole riduce in primo luogo gli infortuni, rende più divertente la pratica e dimostra in tempi abbastanza brevi i miglioramenti e i benefici nella vita quotidiana. 

L’appoggio del piede rappresenta la chiave di volta della corsa: tutta l’azione di corsa si erge su questo. Nei primi allenamenti con i  nuovi atleti, introduco in maniera progressiva esercitazioni volte a sollecitare l’articolazione di piede e caviglia per far sentire alla persona come un determinato impatto al suolo con i piedi influenzi le articolazioni di ginocchio e anca, sia negli esercizi che nella corsa. Test su brevi tratti dopo aver svolto queste esercitazioni permette di provare nuove sensazioni e metabolizzare gli esercizi proposti anche per le uscite di corsa con volumi più importanti.

Parlando di sensazioni nuove, la FeetBoard™ Yowalk permette di raggiungere un ulteriore livello di consapevolezza delle proprie risorse per trasformarle in una corsa più consapevole ed efficace.

Ho introdotto la FeetBoard™ Yowalk progressivamente negli allenamenti dei miei atleti: il primo incontro ha lo scopo puramente conoscitivo della pedana e delle sensazioni che ne conseguono (solitamente di leggerezza del piede in sé e della muscolatura della gamba). Il secondo step invece consiste in vere e proprie esercitazioni eseguite senza scarpe sulla FeetBoard™ nella fasi “Green” e “Blue”.

Gli esercizi sono degli analitici per la corsa (esercizi a secco) che aiutano l’atleta a interiorizzare la posizione corretta del bacino e del busto partendo dall’appoggio del piede sul terreno. Dopo questo lavoro di circa una ventina di minuti, l’allenamento si conclude con tratti di corsa di velocità media (allunghi) o 20’-30’ di corsa continua a velocità molto ridotta. A fine seduta gli atleti riportano una sensazione di gambe leggere e rigenerate. Questo perché il lavoro sulla pianta del piede e sulle sue articolazioni ha avuto effetti distensivi fino ad arrivare ai muscoli di gamba e coscia, in particolare ai glutei, motore della corsa.

Imparare a gestire la fase di warm up e di recupero negli allenamenti di corsa credo essere il fulcro per una corretta educazione alla corsa, rendendola meno stressante per ogni tipologia di runner.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.